Praticità ed utilità di alcune stampanti molto particolari

esempi di maglie carine

esempi di maglie carine

Articolo molto molto lungo, abbiamo deciso di spezzarlo in 2 parti. Questa è la prima, a fine pagina trovi il link per la seconda parte!

Un regalo originale a cui molte volte ognuno di noi avrà pensato, consiste nella stampa di un’immagine personalizzata su una maglietta, o su un cuscino: ecco un’interessante idea di arte applicata alla tecnologia, che sicuramente avrà fatto gola a molti!

Quante volte vi sarà capitato di vedere, in una fiera o presso un mercatino, simpatici cuscini a forma di cuore con l’immagine di due fidanzati, oppure una maglietta con la foto di un animale, o che ritrae due persone che si baciano?

Vi sarete chiesti: ma come si ottiene un simile risultato? Come è possibile, per esempio, stampare l’immagine che ci ritrae con la nostra dolce metà, su una maglietta?

il finto elegante

il finto elegante

Grazie ad un processo di trasferimento dei colori su tessuto, detto sublimazione (ne abbiamo parlato nel dettaglio nell’articolo che trovi linkato a fondo articolo), ciò è davvero possibile e si può ottenere in maniera semplice, e con ottimi risultati. Infatti, notoriamente, quando capita di acquistare delle t-shirt stampate che si rovinano al primo lavaggio, o che in poco tempo perdono la bellezza del colore o dell’immagine stampata – che cade letteralmente a pezzi – ciò può significare sostanzialmente due cose: o non abbiamo avuto cura della maglietta, magari l’abbiamo lavata in lavatrice, con un processo non delicato, oppure la stampa non è stata effettuata ad hoc.

In poche parole, in casi come questi significa che non abbiamo utilizzato una buona stampante o comunque un processo che ci permetta di ottenere dei risultati professionali, simili, per esempio, a quelli che possiamo ottenere per via industriale.

per i fan del metal

per i fan del metal

Come funziona il processo di stampa?

Dal punto di vista del procedimento, i risultati sono abbastanza simili a quelli che si ottengono con altre modalità di stampa, ma ovviamente sono di gran lunga migliori, perché maggiormente durevoli nel tempo e più resistenti anche ai lavaggi in lavatrice o ad una cattiva manutenzione.

Nel caso in cui usassimo una stampante a getto d’inchiostro, dovremmo utilizzare un supporto in plastica che, però, renderebbe il risultato poco gradevole dal punto di vista estetico e soprattutto poco professionale. Utilizzando una stampante a sublimazione, invece, non si utilizza alcun tipo di supporto ma viene utilizzato semplicemente il tessuto (in questo caso, la maglietta) su cui si procede a trasferire l’immagine, con risultati davvero sorprendenti. Niente macchie, niente aloni, niente sottili pellicole che si staccano o si deteriorano ad ogni lavaggio, ma soprattutto, ottima resistenza e durata del prodotto.

Con questo processo, detto sublimazione, è possibile stampare ogni superficie, e pertanto non solo i tessuti, ma anche altri materiali come ad esempio piatti, tazzine, bicchieri, legno, metalli, con gli stessi sorprendenti e piacevoli risultati. Quindi il fatto che qui ho messo solo immagini di stampe su cotone non deve trarti in inganno!

Quali sono le stampanti più indicate per rendere ottimale questo processo?

Sostanzialmente, tutte le buone stampanti possono essere utili, ma le EPSON sembrano essere le più indicate, in quanto utilizzano per il loro funzionamento le testine piezoelettriche: in ogni caso, è fondamentale e scontato che, per ottenere quel tipo di risultato è importante utilizzare delle cartucce caricate con inchiostro a sublimazione.

Va alla seconda parte dell’articolo!